Burøysund - sostituzione del motore


Postato da Nanni

Burøysund: se lo cercate su Google avrete la sorpresa di trovare un sacco di notizie! Eppure è un posticino che conta non più di venti case, e un meccanico - Freddy. Un gioiello di meccanico! Non solo conosce il suo mestiere, ma si prende a cuore il tuo problema e ci rimugina sopra fino a quando non trova una soluzione soddisfacente. Se poi a voi non piace, perché viene a sottoporvela e a discuterla con voi, ne tira fuori un'altra e se voi gliene date una ancora diversa ci pensa su e se è buona l'adotta. Voi siete qui isolati dal mondo. Il pontile è su palafitte, la marea supera i tre metri e le cime d'ormeggio devono essere lunghe abbastanza da permetterne l'escursione. I venti si incanalano a forza nello stretto tra la nostra isola Vannøy e un'isoletta, Burøy, da cui il posto prende il nome. Sennò scendono dalla montagna alle nostre spalle o soffiano dal colle tra la montagna e il resto di Vannøy. Quando siamo arrivati qui alla fine di Gennaio il sole non si vedeva ancora (siamo a nord del circolo polare) e la prima luce arrivava dopo le 9 di mattina per scomaprire alle 3 del pomeriggio. Ora, dopo due settimane, l'alba è alle 7,30 e fa buio alle 17. Sono venuti a trovarci due o tre pescatori, spinti dalla curiosità per il nuovo motore. Sennò ho intravisto solo una persona dietro le finestre di una casa qui vicino e due o tre macchine che tornavano alle abitazioni. Meno male che Silvano è venuto ad aiutarmi per due settimane, ma ora che è andato via da una mi sento in clausura. Freddy mi lascia usare il suo collegamento internet, perché la schedina che ho comprato a Tromsø qui funziona male. Insomma, un posto ideale per immergersi nel lavoro. Così abbiamo smontato la scaletta, l'armadio della cucina e delle cerate, la parete del bagno centrale, il bagno con la toilette, il cofano del motore, abbiamo staccato cavi e tubi dal vecchio motore e l'abbiamo sbarcato. Abbiamo pulito la ghiotta (la sentina del motore) e l'abbiamo ridipinta. Quando è arrivato il nuovo motore, che è un sei cilindri al posto di quattro, ci siamo sentiti i brividi addosso. E' vero che dai disegni, fatti e rifatti su quelli originali della barca, sembrava starci, ma ora dal vivo pare molto grande. E allora costruiamo una dima e la mettiamo nel vano motore. L'operazione è comunque necessaria perché il nuovo deve stare sul piano orizzontale, mentre il vecchio era inclinato di 7 gradi. Con la dima prepariamo i nuovi supporti e li saldiamo ai longheroni della chiglia. Poi, finalmente, caliamo il nuovo motore in posto. Evviva! I calcoli erano giusti e abbiamo addirittura più spazio di prima intorno: ci sta anche un secondo alternatore! Mentre pulivamo la ghiotta in effetti ne abbiamo approfittato per allontanare tutti quei cavi e tubi che nel tempo erano stati passati dentro per comodità di costruzione e così abbiamo guadagnato spazio e ordine. Dovremo solo allargare il piano di appoggio della toilette, perché c'è il nuovo tubo di scarico che sporge un po'. La cosa più importante è che possiamo conservare il vecchio giunto omocinetico, una fortuna insperata che non ci obbliga a un allineamento perfetto di motore e asse elica. L'altro ieri abbiamo finito la settimana con l'accensione del motore, sia pure con collegamenti provvisori: gira pulito e rotondo! Adesso rimangono ancora molti lavori di finitura, tra cui la posa di nuovi comandi più pratici, l'installazione di una nuova linea di presa d'acqua, la modifica della toilette e altre minuzie. Non è escluso che si finisca entro l'inizio della settimana successiva. Il tempo non è completamente invernale. Oltre ai forti venti, abbiamo avuto la neve solo oggi dopo un periodo di freddo intenso (ma in Italia lo era ancora di più) e poi qualche giorno sopra zero. Il cielo è stato sereno nei primi tempi e, senza la luna e con poche luci intorno, abbiamo visto delle spettacolari aurore boreali, che ora, con le nuvole, non si sono più potute vedere. Poca vita animale, anche pochi uccelli. Due aquile di mare nei primi giorni, alcune renne, una piccola foca. Troverete alcune immagini nella galleria. Per ora è tutto. Un saluto da Best Explorer

#artico #avventura #crociera #emozione #esplorazione #oceano #sailing #vitadibordo #Norvegia #navigazioneinvernale

0 visualizzazioni

© 2014 by Arctic Sail Expeditions - Italia

25/6/2020