© 2014 by Arctic Sail Expeditions - Italia

23/10/2019

Pronti a partire

19/6/2012

19 Giugno 2012, h 19.06 - Nanni

Pronti per la seconda tappa.
O quasi.
Non credo che alcun marinaio sia veramente mai pronto a partire.
Rimarrà sempre qualche carico da fare, qualche sistemazione da terminare, qualche messaggio da mandare.
Bisognerebbe rallegrarsi per aver da rispettare una data di arrivo: ci forza ad affrettarci e a finalmente partire.
Ma una volta in mare si respira finalmente e ci sembra che ci sia stato tolto un bel peso dalle spalle.
Davvero!
A dispetto del mal di mare che spesso ti aggredisce dopo che hai passato qualche giorno a terra.
A dispetto dell'incertezza sul tempo e sui venti contrari che, come nel nostro caso, ci aspettano in questa tappa.
La prossima è una delle peggiori, almeno in linea di massima.
Kap Farvel, a soli 59° di altitudine Nord (siamo partiti da 69° N) è uno degli incubi degli oceani.
Nebbia, iceberg e mare grosso per più di cento miglia (assai più della distanza tra Torino e Milano) al largo, più l'antipatica tendenza delle peggiori depressione dell'emisfero nord a passare nelle sue vicinanze.
Non che le altre tappe siano poi così facili!
Siamo sei, che significa tre guardie (turni) di tre ore in due, con sei ore di riposo tra le guardie.
Ma anche più di dieci giorni in mare senza possibilità di ripararsi in un porto.
Il prossimo servizio ve lo manderemo quindi per radio.
Buon Vento, Best Explorer!

Ready for the second leg.
Almost.
Actually a sailor is never really ready to unmoor.
There will always be some more loading to be done, some trimming to be completed, some message to be sent.
One should be glad to have an arrival date to match: it will force to speed up and finally to leave.
Once you are at sea the spirit will raise and a burden will be taken off your back!
Really.
Despite the seasickness that often grabs you after a few days spent ashore.
Despite the uncertainty of the weather and the prospect to face contrary winds, like those we are going to face now.
The next is one of the worst legs of our trip, in principle.
Kap Farvel, a mere 59° North, is one of the nightmares of the oceans.
Fog, icebergs and heavy swell for a hundred plus miles out, plus a tendency of the worst depressions of the northern hemisphere to pass nearby.
Not that the other legs will be so easy.
We are six, which means that will have three watches of three hours each, plenty of time to get rested in between for each couple of us.
But ten of more days at sea without the possibility to find a harbour.
Next report will be sent by radio.
Fair winds, Best Explorer!

Please reload

Post in evidenza

Russi...

September 26, 2019

1/7
Please reload

Recent Posts

October 7, 2019