top of page

Deliziosa Scandinavia

Settembre qui in Svezia potrebbe essere sgradevole, ma quest'anno non è cosi. Sì certo, i giorni si stanno accorciando e la notte fa freschino, ma l'aria limpida e il sole ci lasciano stare molte ore in maglietta.

La maggior parte delle barche è tornata ai propri ormeggi abituali e gli ancoraggi tra le 25.000 isole dell'arcipelago di Stoccolma sono splendidamente deserti.


Gisslingö

Qui gli ancoraggi sono sicuri quanto di più non si puù desiderare: non c'è marea né onde, i fondali sono per lo più di argilla compatta che tiene come se fosse cemento. Unica avvertenza: evitare i cavi elettrici che uniscono anche le più piccole isole come ragnatele,

Scogli ce n'è finché se ne vuole e ben venga la chiglia mobile che perdona qualche distrazione...

Peccato che ci siano meno animali selvatici di quanto si possa desiderare: a parte la quantità impressionante di cigni e di cormorani, qualche rara foca, qualche cervo, solo tracce di alci e di orsi, molto schivi. Papere e smerghi qua e là.

Tra poco lascieremo questo paradiso e cominceremo a dirigerci verso sud e verso l'ormeggio invernale a Copenaghen, dove Best Explorer cercherà un nuovo proprietario.

Abbiamo cercato di far rimanere la barca in Italia, il nostro paese dovrebbe conservare la barca che per prima ha portato la sua bandiera a circumnavigare l'Oceano Artico, ma come spesso accade si è mostrato distratto.

Chi la comprerà, a un prezzo stracciato, dovrà dedicarle il tempo che noi non abbiamo più per riportarla allo splendore iniziale. La spesa e la fatica, non eccessivi, saranno ampiamente ricompensate dal risultato.

Una barca perfetta per andare in esplorazione, come abbiamo dimostrato.


Arrivederci!

157 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page